Connect with us

Apple Watch, lo smartwatch di Apple

Apple

Apple Watch, lo smartwatch di Apple

apple-watch-lo-smartwatch-di-apple

A San Francisco si è da poche ore concluso l’evento che molti fan della società di Cupertino aspettavano, lo “Spring Forward”.

Tim Cook, sul palco dello Yerba Buena Center, ha finalmente presentato Apple Watch, un vero e proprio gioiello che rappresenta sicuramente una grandissima innovazione in campo tecnologico. Diamo un’occhiata alle caratteristiche principali di questo prodotto.

Saranno disponibili 3 differenti modelli di Apple Watch, ognuno dei quali potrà avere la cassa da 38 mm oppure da 42 mm:

  • Apple Watch, in acciaio lucido inossidabile, in tinta naturale o nero siderale (da 549 $);
  • Apple Watch Sport, in alluminio anodizzato in argento oppure in grigio siderale (da 349 $);
  • Apple Watch Edition, in oro 18 carati, lavorato in modo tale da renderlo due volte più resistente (da 10000 $).

Apple Watch è sostanzialmente un orologio, resistente sia all’acqua che alla polvere, e che funziona in collegamento (via Bluetooth o Wi-Fi) con un iPhone con il quale è possibile eseguire una grandissima varietà di attività che potrebbero per certi versi influenzare positivamente la nostra vita. Completamente personalizzabile con cinturini di differenti materiali, dispone di sensori in grado di misurare costantemente il battito cardiaco, la frequenza e altri dati sulla circolazione sanguigna, rendendolo un compagno perfetto per svolgere, ad esempio, della sana attività fisica.

Il display ha una risoluzione di 340 x 272 per quanto riguarda la versione da 38 mm, mentre quella da 42 mm ha una risoluzione di 390 x 312, con una densità di pixel che sfiora quella del display retina originale. Le animazioni sembrano girare a 60 fps risultando molto fluide alla vista. Intorno al display flessibile sono posizionati piccoli elettrodi in grado di distinguere tra un tocco leggero e uno più profondo, innescando comandi specifici per ogni tipologia di tocco. Questa è la cosiddetta tecnologia Force Touch che è pronta a fare la sua apparizione anche sul prossimo iPhone.

Apple Watch è alimentato con un processore Apple S1, prodotto da Samsung, con prestazioni simili al processore di un iPhone 4s. Processore a 28 nm, memoria, storage, processori di supporto per la connettività wireless, sensori, e I/O sono interamente contenuti in un unico modulo, il tutto incapsulato in resina per essere protetto da forze esterne. Non si sa molto altro riguardo alla CPU, che dovrebbe essere accoppiata con 512 MB di RAM e 4 GB di memoria interna.

Apple Watch dovrebbe utilizzare un chip di rete Broadcomm BCM4334, utilizzato anche in dispositivi come il Galaxy S3 e l’iPhone 5, supporta Wi-Fi 8-2.11 a/b/g/n, Bluetooth 4.0, radio FM, ed infine la tecnologia NFC per Apple Pay.

La batteria dovrebbe durare circa 18 ore con utilizzo normale, stando a quanto dichiarato da Apple, e i tempi di ricarica completa dovrebbero aggirarsi intorno alle 2 ore e mezza.

Apple Watch dovrebbe disporre di più di 100000 applicazioni già pronte da utilizzare al momento del lancio, che avverrà il 24 aprile 2015 in molti paesi, tra i quali non figura, purtroppo, l’Italia, che vedrà giungere sul mercato il tanto agognato Personal Gadget di Apple con qualche mese di ritardo.

 

Commenti
Advertisement
Top