Big Data Euro 2016: Microsoft con Bing predice i risultati di tutte le partite

big-data-euro-2016-microsoft

L’algoritmo sfrutta i Big Data: Germania campione, Italia fuori agli ottavi con CR7

Ormai da qualche tempo si sente dire che i Big Data saranno il futuro del mondo. Dagli investimenti, alla lotta al traffico, dalle previsioni dei guasti delle nostre automobili, alla prevenzione e cura delle malattie. Fino ad arrivare alle previsioni degli eventi sportivi.

Siamo alla vigilia degli Europei 2016 e Microsoft attraverso il suo motore di ricerca Bing ha rivelato quelle che sono le predizioni delle gare, gli scommettitori sono avvisati.

Il destino della nazionale italiana consultando i numeri sarà un destino mediocre fatto di una sconfitta all’esordio contro la nazionale belga e di due vittorie nelle restanti due gare del girone contro Svezia e Irlanda per poi cadere inesorabilmente agli ottavi di finale contro il Portogallo di Cristiano Ronaldo.

I campioni del mondo della Germania si riconfermeranno anche in chiave continentale secondo Bing, eliminando i padroni di casa in semifinale e la Spagna detentrice del titolo vinto nel 2012 contro gli Azzurri, in finale. La Francia sarà terza anche se la finale 3°-4° posto come di consueto agli Europei, non verrà disputata.

L’aspetto inverosimile e statisticamente sfavorevole dell’intera vicenda è che sulle 52 gare totali solo 4 saranno quelle che finiranno in parità, staremo a vedere.

L’algoritmo tiene in considerazione una significativa mole di variabili legate ad una sterminata quantità di informazioni, anche alcune che apparentemente potrebbero sembrare banali e insospettabili.

Variabili importanti sono rappresentate da – tra le tante – condizioni metereologiche, analisi dei trend e delle interazioni sociali presenti sulla rete in quel dato momento.

Insomma, nulla di “magico” come eravamo stati abituati negli anni precedenti con il Polpo Paul. Sebbene ci sia da ammettere che nella prima occasione, quella di Euro 2008 Paul azzeccò 4 predizioni su 6 e nella seconda – nella Coppa del Mondo 2010 – il polpo riuscì addirittura ad azzeccarle tutte, 8 su 8.

Dunque, solo ed esclusivamente modelli statistici e operazioni di calcolo poderose affidate all’algoritmo sviluppato da Microsoft che già nel 2014 in occasione del mondiale brasiliano era riuscito a predire ben 15 esiti sui 16 totali, quelli della fase a eliminazione diretta.

Inoltre sfruttando lo stesso modello analitico, sarà possibile assicura Microsoft, attraverso le Heat Map, monitorare in tempo reale l’intensità e la tendenza del tifo in una determinata area geografica, in un determinato momento dopo una determinata serie di eventi.