Connect with us

Instagram e altri social network, bloccati in Cina per le proteste a Hong Kong

News

Instagram e altri social network, bloccati in Cina per le proteste a Hong Kong

cina blocca social network

Alcuni rapporti provenienti da Hong Kong e dalla Cina continentale affermano che Facebook, Instagram, Twitter e il noto Weibo sono stati bloccati in Cina da parte del governo. 

Nonostante la manifestazione si sia dimostrata in gran parte pacifica, la polizia ha utilizzato, contro alcuni dei manifestanti, i gas lacrimogeni. Il nocciolo della questione è una sentenza che prevede, da parte del partito comunista a Pechino la limitazione di quelli che possono essere considerati i posti di leadership a Hong Kong. Il blocco dei social media è stato attivato per prevenire, ad eventuali movimenti democratici, di guadagnare trazione nel resto del paese.

Quando Hong Kong è stata ceduta dal Regno Unito alla Cina nel 1997, l’idea era che ci sarebbero stati due sistemi di lavoro, assicurando una costante autonomia ad Hong Kong come una “regione amministrativa speciale.” Tuttavia, gli eventi politici del tardo novecento hanno causato la nascita di un numero di movimenti di riforma a Hong Kong. Mentre gli abitanti Cinesi non sono in grado di prendere i loro smartphone e navigare in internet, o di ottenere aggiornamenti su quello che sta succedendo, tutte le reti dei social media sembrano essere ancora pienamente funzionali per gli abitanti di Hong Kong. 

Via

Commenti
Advertisement
Top