Intelligenza artificiale: ecco il robot che riconosce gli oggetti

intelligenza artificiale

Realtà virtuale, intelligenza artificiale, quale sarà il futuro del pianeta e del genere umano? Un laureato presso la Boston University ha sviluppato un robot con un’intelligenza artificiale in grado di muoversi coe se fosse un umano e la cosa più impressionante è che riesce a riconoscere un ostacolo e ad evitarlo proseguendo nel suo percorso.

Robot e intelligenza artificiale: ecco l’ultima scoperta di uno studente americano

Lo studente di ingegneria, Emily Fitzgerald, ha costruito il robot a due piedi con piano sopra. Il robot viaggia su due ruote; l’intelligenza del robot utilizza una telecamera e un computer portatile posati sulla cima del piano, che comunica con un computer desktop. Il sistema permette al robot di riconoscere un oggetto determinando esattamente ciò che è, che si tratti di una palla, di un libro o di un cono.

Fitzgerald spiega che il robot utilizza la fotocamera per scattare una serie di immagini dell’oggetto di fronte ad esso e il computer portatile raccoglie e invia le informazioni al computer desktop.

Il computer utilizza quindi una rete neurale, un modello di intelligenza artificiale che simula il modo in cui il nostro cervello risolve un problema trovando poi un’immagine corrispondente da utilizzare come riferimento, per poi essere in grado di dire qualcosa sulla falsariga di “Questa è una palla.” Incredibile, non è vero?

Tuttavia, mentre il robot di Fitzgerald ha l’intelligenza per riconoscere gli oggetti, non è perfetto, ma  è solo un progetto estivo di uno studente universitario che spera di proseguire la sua carriera studiando le bioimmagini per vedere un futuro in cui i dispositivi chirurgici robotici utilizzeranno le reti neurali per rilevare gli oggetti nei pazienti umani. Fitzgerald non ha elaborato quali potrebbero essere quegli oggetti, ma si suppone che si riferisca a malattie come i tumori. Un robot come questo potrebbe essere utilizzato anche in altre applicazioni, come l’esplorazione spaziale.

Cosa ne pensate dei progressi della scienza?