Connect with us

L’inventore dell’email si spegne a 74 anni

email

News

L’inventore dell’email si spegne a 74 anni

A volte diamo tutto per scontato, anche per quanto riguarda le innovazioni e le tecnologie degli ultimi decenni che ci hanno cambiato radicalmente la vita. Sembra che tutto sia esistito da sempre e che noi possiamo far proprie queste tecnologie senza chiederci il perché sono state inventate o da chi. Ad esempio, senza l’email ormai non potremmo vivere dato che ormai è diventata un mezzo di comunicazione immediata a livello mondiale. Avete mai pensato che fino a 50 anni fa, anche se adesso sembra impensabile, non esisteva?

L’inventore della prima email

Ray Tomlinson, l’uomo accreditato per la creazione dell’e-mail così come la conosciamo oggi, è morto per un attacco di cuore sospetto sabato mattina all’età di 74 anni. Tomlinson ha frequentato il college al Rensselaer Polytechnic Institute, dove ha conseguito una laurea in ingegneria elettrica nel 1963, prima di prendere una S.M. in ingegneria elettrica presso il Massachusetts Institute of Technology (MIT) due anni dopo.

Nel 1971, Tomlinson ha sviluppato l’applicazione della prima rete e-mail per l’Advanced Research Projects Agency Network (ARPANET, forse meglio descritto come il fondamento tecnico di Internet). In particolare, Tomlinson selezionato il simbolo @ per separare la rete locale dall’e-mail a livello mondiale che ha sostenuto lo standard user @ host che è stato utilizzato in tutto il mondo per decenni.

Tomlinson è stato il destinatario di numerosi premi nel corso degli anni tra cui il George R. Stibitz Computer Pioneer Award dalla American Museum computer nel 2000. Ha anche vinto un Webby Award all’Accademia Internazionale delle Arti e delle Scienze Digitali ed è stato inserito nella Rensselaer Alumni Sala Fame di un anno dopo. Nel 2012, è stato inserito nella Rensselaer Alumni Hall of Fame insieme ad altri personaggi ben noti, tra cui Tim Berners-Lee e Vint Cerf.
Secondo la sua biografia ufficiale, si è classificato al numero quattro nella lista del MIT dei primi 150 innovatori.

Continua a leggere
Advertisement
Commenti
Top