Connect with us

OnePlus 3: caratteristiche e ultimi rumors

News

OnePlus 3: caratteristiche e ultimi rumors

Non sappiamo ancora praticamente nulla dello OnePlus 3 e delle relative caratteristiche, ma possiamo fare delle previsioni, basandosi su quello che abbiamo visto finora nel modello OnePlus 2. Certo, già il fatto che quest’ultimo, a parità sostanziale di prestazioni, costi la metà di un Samsung (329$, un bel risparmio) ci permette di essere più condiscendenti, ma c’è molto che vorremmo vedere, ed il lancio è praticamente a giorni (già il 18 di maggio, secondo GizmoChina, anche se non sarebbe la prima volta che la casa di Pei fa qualche ritardo sulla tabella di marcia).

L’aspetto sarà simile a quello di un iPhone, ma molto più spartano. Probabilmente ci saranno dei bottoni onscreen, ma per la maggior parte si è deciso di mantenere il design quanto più scarno possibile, non sappiamo se per motivi di stile o di spazio. Per il resto, forse ci dovremmo aspettare qualcosa di simile all’OnePlus X, un modello di seconda classe già lanciato quest’anno. Lo schermo occuperà l’intera superficie, senza cornici od incastonature con pulsanti come quelle della Microsoft. Come sempre ce ne saranno due versioni: una a 4GB di RAM a 32GB di memoria, ed una da 6GB di RAM con 64GB di memoria.

Ovviamente, non basterà l’ottimo prezzo per essere competitivi sul mercato. Il Samsung Galaxy S7, LG G5, HTC 10 e l’iPhone 6S potranno essere cari, ma hanno una reputazione e la difenderanno a spada tratta. Vediamo di seguito quali sono le caratteristiche che lasciavano un po’ a desiderare il precedente Open Plus 2, e come si potrebbe ovviare a tali mancanze.

NFC

La mancanza dell’ NFC è stata una delle omissioni più importanti nel precedente modello, ma si può sperare che, data la sua presenza nei maggiori phablets della concorrenza, la casa stavolta ovvi a questa dimenticanza.

Ricarica rapida

La batteria degli OnePlus finora ha dimostrato di non avere prestazioni eccezionali. Perdonabile, ma visto che anche qui altre case si stanno parecchio dando da fare per aumentare esponenzialmente la durata delle batterie, è lecito aspettarsi un miglioramento sostanziale rispetto al modello precedente, che si scaricava con qualche facilità. Anche portare la batteria da 3200mah a 4200mah, che sembra essere il nuovo standard, potrebbe essere un’ottima idea.

Un rilevatore d’impronte più funzionale

Sebbene le prime indiscrezioni facciano pensare che questa funzionalità non sarà presente nella nuova uscita, a noi piace pensare di si. Già nel OnePlus 2 funzionava in maniera dignitosa, anche se a volte a singhiozzo e non poteva essere usata per i pagamenti internet o l’uso di app bloccate. In caso le voci fossero false, contiamo che sul OpenPlus 3 questa giri bene già dal primo giorno, o che sia presto disponibile un upgrade per risolvere il problema.

Sistema di raffreddamento

Lo  Snapdragon 810 è un ottimo processore, ma seppure pensato proprio per il OpenPlus 2, spesso e volentieri sia su questo che altri modelli ha la tendenza a surriscaldarsi. Per fortuna da quel poco che si sa, questo è uno dei problemi che è già stato brillantemente risolto.

Schermo migliorato

Il OnePlus 2 monta uno schermo da 5.5″ con una risoluzione di 1080 x 1920, quindi certamente ha delle ottime prestazioni, ma questo potrebbe essere ancora migliorato con l’inserimento di uno schermo QHD. Ciò permetterebbe un’ottimizzazione dell’immagine, soprattutto vista l’ampiezza dello schermo stesso. Per fortuna il OnePlus 3 non diverrà ancora più grande, visto che ha più senso come smartphone, che come tablet, ma un’ottimizzazione della risoluzione è proprio quello di cui avrebbe bisogno. Purtroppo, anche qui le voci dicono che si rimarrà sui 1080p per un po’ di tempo ancora.

Un comparto per le microcard

Per chiunque usi un telefonino seriamente, una memoria da 16 GB è semplicemente ridicola, e per avere quella da 64 GB bisogna affrontare una spesa di tutto rispetto. Se si potesse inserire una micro SD come in tutti gli altri telefoni, si verrebbe incontro alle esigenze dei clienti e si renderebbe il prodotto più flessibile. Speriamo sia così.

Caricamento wireless

Ok, la ricarica wireless esiste già, ma certamente non è così mainstream, quindi potremmo perdonare il OnePlus 3 se per caso non l’avesse. Ci parrebbe comunque inappropriato per un telefono che continua a promettere di sfondare records di vendita nel 2016. In fondo, ci aspettano telefonini 3D e con lo schermo pieghevole per il 2017, oggi la ricarica wireless non dovrebbe essere un’eccezione. Visto che già si parla di un sistema VOOC per la carica superveloce, contiamo di non essere gli unici ad avere avuto questa illuminazione.

Niente lag

Con uno Snapdragon 820 e una memoria da 4GB di RAM i lag dovrebberro non essere un problema, ma si è già visto nei precedenti modelli qualche problema, specialmente nel tornare al menu principale. Anche questo dettaglio potrebbe essere corretto semplicemente con un software upgrade, quindi siamo abbastanza sicuri di non aspettarci brutte sorprese.

 

Commenti
Advertisement
Top