Connect with us

Oppo attacca Apple: l’accusa è di avere copiato il loro Screen Flash chiamandolo Retina Flash

News

Oppo attacca Apple: l’accusa è di avere copiato il loro Screen Flash chiamandolo Retina Flash

oppo

Come probabilmente già saprete, mercoledì Apple ha introdotto il Retina Flash. Progettato per le ultime fotocamere interne da 5 mpx dei moderni iPhone, in pratica trasforma lo schermo in una sorta di flash interno, illuminandolo in maniera intensa di colore bianco per consentire di migliorare la luminosità delle foto scattate al buio. Secondo Apple, questa modalità è in grado di correggere il bilanciamento del bianco in modo automatico per rendere in maniera migliore il colore della pelle dei soggetti inquadrati. Retina Flash è in grado di incrementare momentaneamente la luminosità del display di circa 3 volte rispetto alla massima luminosità settabile manualmente dall’utente.

Non appena la notizia si è diffusa, Oppo ha deciso di dire la sua. Dalla pagina Facebook ufficiale del produttore indiano difatti, è subito giunta una “informazione” (se così si può dire) la quale riporta che tale feature era già disponibile su molti dispositivi Oppo molto tempo prima, simile nel funzionamento a quella di Apple e nominata inizialmente come Screen Flash per illuminare le foto notturne “anche nelle situazioni più buie”. Secondo il produttore Oppo tale funzione era disponibile su Oppo R7, Oppo R7 Plus, Oppo R7 Lite e Oppo Mirror 5 già molto tempo prima che fosse implementata da Apple sui suoi iPhone 6s e iPhone 6s Plus nel meeting di mercoledì.

Oppo ovviamente punta direttamente ed esplicitamente il dito verso Apple, dicendo che il suo Screen Flash viene “da alcuni chiamato Retina Flash”. Accompagnano il post, in maniera sicuramente non casuale, l’immagine di un display Oppo dotato di Screen Flash e – dall’altro lato – un iPhone 6s con Retina Flash.

Come sempre, i giorni che seguono i meeting di presentazione Apple sono un susseguirsi di attacchi mediatici da parte di altri produttori famosi, una tattica minatoria che spesso risulta tutt’altro che efficace contro il colosso di Copertino, il quale può ovviamente contare sulla solidità quasi granitica dei suoi device. Per capire quanto queste tattiche risultino vane, provate a chiedere a qualsiasi consumatore quale telefono – secondo lui – ha inserito per primo il sistema di utilizzo del display come flash interno: il 99% delle persone, statene pure certi, risponderà iPhone 6s (o 6s Plus, poco cambia).

Commenti
Advertisement
Top