Samsung ferma tutte le vendite e la produzione di Galaxy Note 7

galaxy note 7

Con una dichiarazione rilasciata oggi, e come preannunciato, Samsung fa sapere di aver deciso di fermare le vendite e le sostituzioni ad oltranza per il Galaxy Note 7 e, di conseguenza, di fermare la produzione del telefono cellulare come era ormai lecito aspettarsi.

Il produttore sud coreano era molto vicino al completamento del richiamo globale del Galaxy Note 7, ma la sua incapacità di risolvere i problemi di batteria lo ha messo nella condizione di dover fermare la produzione dello smartphone.

Come avrete già sentito, a beneficio della sicurezza del consumatore, abbiamo interrotto le vendite e le consegne di Galaxy Note 7 ed abbiamo inoltre deciso di interrompere la produzione. Stiamo lavorando a stretto contatto con i partner e gli enti regolatori in ogni paese e prenderemo misure immediate per risolvere la situazione. A tutti i proprietari di Galaxy Note 7 sarà offerto lo scambio del Note 7 per altri smartphone Galaxy con rimborso della differenza di prezzo, o di un rimborso completo presso il punto di acquisto. Ci scusiamo per i clienti che hanno riposto fiducia e grandi aspettative in Galaxy Note 7, e per i disagi che ciò può causare per tutti i proprietari di tale device.

Dato che ci sono ancora un sacco di unità di Galaxy Note 7 nelle mani dei consumatori, resta da vedere come Samsung gestirà il richiamo di questi dispositivi. Prima di oggi, la società ha emesso un messaggio informativo di avviso ai clienti invitandoli a spegnere il loro device immediatamente e richiederne la sostituzione smettendo di usarlo.

Secondo Samsung, “le misure che saranno prese a seguire saranno in conformità con le leggi internazionali sulla compravendita, e saranno decise al più presto anche le metodologie di rimborso o sostituzione del prodotto“.

È già stato ordinato, a tutti i rivenditori ed operatori telefonici, di fermare le vendite e/o le consegne di Galaxy Note 7, quindi l’unica via d’uscita per chi lo avesse già ordinato – e magari pagato – è di chiedere un rimborso oppure dirottare l’acquisto su un altro terminale.

Samsung deve ancora completare la sua indagine interna sulla più recente esplosione dell’unità di Galaxy Note 7, in modo da capire quale sia stata la causa dell’ultimo incidente avvenuto, anche se molto probabilmente il problema potrebbe essere – come negli altri casi- un problema legato alla batteria.

Samsung potrebbe ancora decidere di riprendere la produzione e le vendite in futuro – il produttore non ha specificato se questo arresto di produzione è permanente o temporaneo. In generale, sembra che la società abbia bisogno di prendere tempo e valutare i problemi che sta affrontando in modo più approfondito. Possiamo immaginare che solo allora, quando si saranno raccolti dati sufficienti per sapere esattamente quali siano le cause di questi problemi (e se si possano risolvere o no), si potrà finalmente considerare o meno di portare Note 7 di nuovo sul mercato.

In entrambi i casi, il messaggio è chiaro: smettete di usare il Galaxy Note 7 se ne possedete uno, o non compratelo se non lo avete già.