Connect with us

Samsung Galaxy S8: le novità che speriamo ci porti

News

Samsung Galaxy S8: le novità che speriamo ci porti

Galaxy S8 Edge: finora di sicuro sappiamo solo che il nuovo modello avrà uno schermo 4k, fotocamera dual lens d’ultima generazione, sistema Smart Glow incorporato, e possibilmente, totalmente impermeabilizzato per evitare spiacevoli incidenti.

Viste le premesse del Samsung Galaxy S7 Edge, dal nostro punto di vista uno dei prodotti migliori sul mercato (superiore al Galaxy S7 per batteria, design e potenzialità dello schermo), non possiamo che ben sperare per la prossima uscita della casa coreana. L’unica nota preoccupante è il prezzo, che sembra attestarsi attorno ai 750$. Sebbene li meriti, date le sue potenzialità, per lo stesso prezzo ci si può comprare un computer di tutto rispetto, che almeno dal punto di vista ludico e professionale è qualcosa di meglio di uno smartphone.

Samsung Galaxy S8 Edge: quando uscirà

Come ogni anno, non è difficile prevedere che il Samsung Galaxy S8 Edge verrà presentato all’MWC 2017. Ancora non si hanno notizie certe sulla data, ma la cosa più probabile è che l’evento si tenga tra il 27 febbraio ed il 2 marzo.

Novità e voci di corridoio

Il modello sarà una versione avanzata rispetto al Samsung Galaxy S8, così come il 7 Edge lo è stato per l’S7. Il modello a schermo curvo è quasi dato per certo, come già detto, ma per il resto, supponiamo verranno potenziate la batteria e la risoluzione dello schermo stesso.

Lo schermo

Se non fosse per la mancanza delle curve, lo schermo da 5.5 pollici 4K già usato sugli ultimi modelli sarebbe sembrata la soluzione più naturale per quest’ultimo Galaxy S8. Dopo che il QHD è diventato la norma, ci si aspetta che questa sia la normale evoluzione della linea. Il modello attuale ha una densità di 806ppi, ottima ma già un po’ in ritardo rispetto ai bisogni delle tecnologie più avanzate (ad esempio, i congegni per la realtà virtuale). Lo schermo 4k sta diventando il requisito minimo.

Il design

Dati i cambiamenti già apportati nella linea S7, e quanto essi sono apprezzati dai clienti, è probabile che non ci siano variazioni di rilievo (che verranno forse introdotte con la prossima linea). Forse il telefono sarà più sottile e avrà delle curve più accattivanti, ma personalmente siamo come detto già soddisfatti del modello S7, quindi speriamo Samsung migliori altre caratteristiche del Galaxy S8 Edge e Galaxy S8 Edge.

Alcuni difetti della linea 7 sono comunque degni di nota: il retro tende a sporcarsi troppo facilmente, l’obbiettivo della macchina fotografica è troppo sporgente ed il vetro sembra un po’ troppo un pezzo di plastica da pochi soldi. Tutte cose che sono state fatte notare più volte alla Samsung, che speriamo ne tenga conto.

Fotocamera e batteria

Due modelli differenti di fotocamere stanno guadagnando terreno al momento. Secondo quanto riportato da indiscrezioni alla sezione cinese del WCFF, poi confermate, il Samsung Galaxy 8 Edge avrà una fotocamera dual lens, ma ancora non è dato sapere se sarà dotata di grandangolo come su LG G5, o magari avrà un processore monocromatico come su Huawei P9 od ancora qualcosa di totalmente differente. In alternativa (ma un’alternativa che non esclude necessariamente la prima ipotesi), il nuovo Samsung Galaxy S8 potrebbe montare una lente da 18 o 24MP, con un’ampiezza di f/1.4. Per il sensore frontale, visto che l’S7 ne monta una piuttosto mediocre, speriamo vengano applicati gli stessi standard, per avere un telefono perfetto sotto ogni punto di vista.

Non ci sono notizie relative alla nuova batteria, ma visto che il Galaxy S7 ne montava una da 3600 mAh, speriamo sia lo standard minimo anche per quest’anno. Tutto ciò che possiamo sperare, è che venga creata una batteria che duri almeno due giorni, come spesso promesso, anche per supportare meglio il sistema always-on, che anche se utilizza di per sé solo lo 0,8% della batteria ogni ora, è ancora migliorabile.

Processore

Sebbene lo SnapDragon 830 sia la scelta più papabile, visti gli sviluppi recenti della linea, potrebbe venire ancora usato un processore Eynos in alcuni paesi. Saranno quindi commercializzate due versione, con due processori differenti, ciò dipenderà solo dal posto in cui acquisterete lo smartphone.

Altre caratteristiche di nota

Uno scanner per l’iride sembra ormai dato per certo, dato che un congegno simile è già montato su alcune linee di tablet della casa, e non si vede perché limitarsi a quel comparto. Lo Smart Glow, un anello di led posti sul retro che si illuminano quando arrivano notifiche e messaggi, è già dato per certo. I colori dei led potranno essere modificati a seconda del tipo di notifica, e fungeranno da flash nel caso vogliate farvi un selfie con la retro camera.

Sensore d’impronte digitali

Già dalla quinta serie Galaxy S, Samsung ha introdotto questa caratteristica, ma ancora con il Galaxy S7 non è totalmente funzionale, tanto da richiedere più di un tentativo per una corretta lettura. Se questo problema venisse risolto, e magari si aggiungesse un blocco per le singole app, sarebbe un sogno realizzato.

Miglioramenti nel comparto videogiochi

Samsung ha introdotto con la linea precedente il suo Game Launcher, che permette di gestire in totale ordine il lancio dei giochi e le notifiche degli stessi sul telefonino. Pensiamo che le uniche cose da migliorare siano l’eliminazione del pulsante app dallo schermo, che troppo spesso viene premuto per sbaglio lanciando il programma, e la possibilità di mettere immediatamente in stream i video delle proprie partite: per le comunità eSport, non un vezzo, ma una necessità.

Più spazio in memoria

Con una memoria interna da 32 GB, il precedente Galaxy S7 offre prestazioni super dignitose. Ma è uno spazio che può facilmente essere esaurito dalle playlist o da pochi giochi di certe dimensioni. Certo, ci si può sempre affidare alle schede microSD, ma è anche vero che la loro connessione più lenta non è sempre facile da gestire. Una memoria interna maggiore sembra l’unica soluzione per potere sempre usare al meglio questo telefono.

Altoparlanti migliorati

Il Galaxy S7 monta già degli altoparlanti in alta definizione che permettono la gestione del volume in base ad ogni vostra esigenza, ma manca ancora un dettaglio fondamentale: degli altoparlanti interni degni di questo nome. Non che quelle già presenti siano così male, ma i modelli della concorrenza, come quelli presenti su HTC One M9, sono dieci volte migliori sia come qualità, che per la posizione all’interno del telefono, che impedisce che il suono venga per sbaglio oscurato dalle nostre stesse dita.

 

Commenti
Advertisement
Top